Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

09
Mar, Ago
Advertisement

Legge di Bilancio 2022. E l’auto?

Politica
Tipografia

L'esame della manovra al Senato è iniziato il 16 novembre, quindi il Parlamento ha a disposizione poco più di un mese per concludere l’iter. 

Il comparto auto si aspetta che contempli misure incentivanti per fare fronte alla crisi. Oltre alle immatricolazioni preoccupa l’andamento della produzione, che registra un calo del 12,1%, rispetto a settembre 2020. Il Dl 21 ottobre 2021, n. 146 Misure urgenti in materia economica e fiscale ha rifinanziato per il 2021 con 100 milioni il fondo ecobonus per l’acquisto di veicoli a basse emissioni. 65 milioni per incentivare veicoli M1 compresi nella fascia di emissione 0-60 g/km CO2, 20 milioni per l’acquisto di veicoli commerciali N1 o M1 speciali, di cui 15 riservati ai veicoli esclusivamente elettrici. 10 milioni per gli M1 compresi nella fascia 61-135 g/km CO2 e 5 per l’acquisto di veicoli di categoria M1 usati con emissioni comprese tra 0-160 g/km CO2. Ma i fondi sono esauriti: per l’ennesima volta e lo stop-and-go produce effetti negativiPaolo Scudieri, Presidente Anfia, Associazione nazionale filiera industria automobilistica: è fondamentale che nella Legge di Bilancio 2022 sia prevista una misura almeno triennale per sostenere il mercato delle auto e dei commerciali leggeri a basse emissioni, nel quadro di un piano di accompagnamento della transizione energetica e produttiva del nostro settore. Propone incentivi alla trasformazione a gas Assogasliquidi-Federchimica. La nostra proposta – spiega il presidente Andrea Arzà – ha come obiettivo la conversione a gas di veicoli a benzina Euro 4 e 5, garantendo un incentivo, per singolo veicolo, di 600 euro per la conversione a GPL e di 900 per la conversione a metano.
In un’intervista video rilasciata a Pierluigi Bonora durante l’evento #Forum Automotive, il Viceministro allo Sviluppo Economico Gilberto Pichetto, rappresentante del Governo al Tavolo Automotive, ha assicurato che la legge di bilancio lascerà spazio all’automotive, perché è un settore strategico, con una quota importante di lavoratori. Dobbiamo accompagnare il cambiamento. Per mantenere gli incentivi è previsto lo stanziamento di un miliardo,
in linea con quanto fatto nel 2021. A fianco degli incentivi ordinari è indispensabile un fondo di transizione, accompagnato da un piano decennale per la trasformazione del sistema. Una precisazione sulla scarsa durata degli aiuti: Il caos è stato causato da stime sugli anni precedenti falsate dalla pandemia, che hanno determinato mancate coperture. Non abbiamo dimenticato il bonus ricambio dedicato all’acquisto di auto usate, nato dalla necessità di svecchiare il parco, che in prospettiva di cambiamento deve passare il più rapidamente da Euro 0 e 1 a Euro 5 e 6.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS