Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

21
Lun, Ott
Advertisement

I vantaggi dell’auto connessa

Sicurezza
Tipografia

L’auto connessa in rete nel 2025 sarà in grado di salvare vite umane e prevenire incidenti grazie a tecnologie che per quell’anno saranno ampiamente diffuse: guida a elevato grado di autonomia, sistemi di assistenza alla frenata di emergenza e integrazione con lo smartphone.

Lo sostiene lo studio Connected Car Effect 2025 realizzato da Bosch insieme all’istituto di ricerca Prognos che ha valutato dodici tecnologie e la loro diffusione per poi prevederne i possibili effetti in Germania, Stati Uniti e Cina.

I numeri non lasciano spazio a dubbi: le possibilità di un veicolo connesso in rete sulle strade del futuro sono straordinarie.

Sistemi di assistenza ai servizi di emergenza - I sistemi di assistenza connessi in rete potranno salvare la vita di 11.000 persone – 300 in Germania, 4.000 in USA e 7.000 in Cina – e di evitare più di 260.000 incidenti con lesioni all’anno (30.000 in Germania, 210.000 in USA, 20.000 in Cina). Per avere un termine di paragone, si tratta del numero di incidenti che si verificano a Berlino in due anni.

Parcheggio più efficiente - Le tecnologie di parcheggio connesse in rete potranno far risparmiare sino a 480 milioni di chilometri di percorrenza, pari alla distanza dalla Terra a Venere e ritorno. Le auto potranno segnalare i posti disponibili e indicare come raggiungerli. Oggi in Germania si percorre un chilometro per ogni ricerca di parcheggio. 

Riduzione dei costi di proprietà dei veicoli - La connessione a Internet dei sistemi di assistenza farà risparmiare fino a 4,43 miliardi in costi materiali e danni da collisione. Dei 450 milioni risparmiati in Germania (USA: 3,6 miliardi di dollari, Cina: 380 milioni), 100 saranno dovuti alla sola integrazione con gli smartphone.

Vantaggi per l’ambiente - In Germania, il parco nazionale della Foresta Nera è in grado di assorbire 400.000 tonnellate di CO2 ogni tre anni. Nel 2025, le funzioni di mobilità connesse in rete consentiranno di ridurre le emissioni della stessa quantità. Com’è possibile? I veicoli a elevata automazione richiedono meno km percorsi e meno carburante.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS