Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

17
Ven, Set
Advertisement

Ricarica semplice EasyWallbox

Tecnica
Tipografia

Semplice da installare, intuitiva e comoda per il rifornimento.

EasyWallbox di Free2Move eSolutions, la joint venture tra Stellantis ed Engie EPS nata per la progettazione, realizzazione e fornitura di prodotti e servizi per l’e-mobility, è un’ottima soluzione per la ricarica domestica dell’Opel Mokka-e in prova. Grazie a lei abbiamo ricaricato di notte trovando al mattino il pieno per le escursioni quotidiane di circa 50 km riducendo la percentuale di carica dal 100 all’85%. Comodità che elimina l’ansia da ricarica e il principale ostacolo alla diffusione delle auto elettriche, cioè scarsa disponibilità di colonnine e i lunghi tempi di rifornimento.

Installazione fai da te
Rendono attrattiva la proposta da Stellantis per le elettriche diversi fattori, come il prezzo: 399 euro, uno dei più bassi. Non servono extra per l’installazione: la tecnologia Plug&Play sviluppata da ingegneri e ricercatori, compresi quelli del Politecnico di Torino e Milano, rende facile l’applicazione in garage. Non sono necessarie opere murarie, modifiche all’impianto elettrico o autorizzazioni per l’accertamento della sicurezza. Installare l’easyWallbox richiede un impegno poco superiore a quello necessario di un elettrodomestico. La nostra installazione ha richiesto meno di 20 minuti, necessari per leggere le istruzioni, segnare i fori sulla parete e applicare le viti dopo avere rimosso la cover. Una volta riposizionata, è stato sufficiente inserire la spina schuko alla presa per avviare l’autoconfigurazione della “colonnina”: meno di un minuto. Ad avvisare la buona riuscita della procedura è la luce rossa della wallbox mutare al blu, segno dell’avvenuta attivazione.

Ricarica automatica o con l’app
Anche la ricarica è intuitiva. Per avviarla è sufficiente collegare il cavo presente sull’easyWallbox alla presa dell’auto: la luce verde della colonnina e i led luminosi all’interno dello sportellino confermano l’inizio del rifornimento: ulteriore convalida arriva dal display del cruscotto che riporta la percentuale di carica delle batterie e il tempo residuo per arrivare al 100%. Il tutto con il dispositivo a regolare la potenza di ricarica in base alla disponibilità di energia domestica in modo da evitare di sovraccaricare la rete di casa e fare saltare il contatore. Chi desidera la regolazione manuale può scaricare l’app per lo smarphone e inquadrare il QR Code sotto la cover per avviare il dialogo tra easyWallbox e cellulare: si può impostare una potenza massima di ricarica da quella standard di 2,2 kW, programmare il rifornimento negli orari preferiti (ad esempio, quando l’energia costa meno) e interromperlo da remoto senza staccare il cavo. Dall’app si può controllare tempo ed energia utilizzata delle singole ricariche e monitorare eventuali anomalie.

Possibile upgrade fino a 7,4 kW
L’easyWallbox è pensata per operare senza modifiche all’impianto domestico con potenza massima fino a 2,2 kW, limite ottimale per chi usa l’auto per spostamenti inferiori ai 100 km. Oltre tale distanza, diventa difficile ripristinare la capacità al 100% delle batterie con la sola sosta notturna e potrebbe convenire effettuare l’upgrade per potere incrementare la potenza di erogazione fino a 7,4 kW. Operazione che necessita dell’intervento di esperti, con costi per l’adeguamento dell’impianto elettrico. L’easyWallbox è disponibile anche con il logo dei singoli marchi d’auto del gruppo.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS