Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

18
Mer, Set
Advertisement

Macerata, campione d’Italia per auto a metano

Turismo
Tipografia

Nelle Marche, seconda regione italiana per circolante a gas. Non è fra le regioni più turistiche, ma offre molto ai visitatori. Macerata è un mix perfetto di paesaggi.

A 30 chilometri dall’Adriatico, sorge su un colle panoramico – 313 metri s.l.m. – a soli 60 km dalle vette dell'Appennino. Composta da un nucleo antico ancora cinto in gran parte da mura quattro-cinquecentesche, è nota per il teatro a cielo aperto, l’Arena Sferisterio, espressione del Neoclassicismo europeo, inaugurato nel 1829, dove in estate si tiene un’importante stagione lirica. Passeggiando per i vicoli, si arriva alla Cattedrale di San Giuliano e al Santuario della Misericordia, che, progettato dal Vanvitelli (1734), è la più piccola basilica al mondo. Poi il Palazzo Buonaccorsi, con l’originale Museo della Carrozza e la Sala dell’Eneide.

I dintorni offrono moltissimo, a partire dai luoghi leopardiani: Piazzetta del Sabato del Villaggio, sulla quale si affaccia Palazzo Leopardi, casa natale del poeta, (l'ambiente più suggestivo è la biblioteca, che custodisce oltre 20.000 volumi); il Colle dell'Infinito, sommità del Monte Tabor, da cui si domina un panorama vastissimo; la Torre del Passero Solitario, nel chiostro di Sant'Agostino; la Chiesa di San Leopardo edificata dalla famiglia Leopardi.

Molte altre le tappe interessanti. A San Severino Marche, l'Abbazia di San Lorenzo in Doliolo e la Concattedrale di Sant'Agostino, o Duomo Nuovo. Vicino alla chiesa la Pinacoteca Tacchi Venturi, con opere di Vittore Crivelli e una splendida Madonna della Pace del Pinturicchio. Da non perdere la vista dal belvedere di Castello.

Ad Apiro la maestosa Abbazia di Sant'Urbano, e Cingoli, detta balcone delle Marche per il panorama, ha un bel centro storico, ricco di palazzi nobiliari e nella Concattedrale di Santa Maria Assunta si può ammirare una Madonna del Rosario di Lorenzo Lotto.

Camerino: la Cattedrale della Santissima Annunziata, con la gotica Arca di Sant’Ansovino e il Palazzo Ducale, oggi sede dell’antica università. Da qui si scende, attraverso una scala elicoidale del ‘500, fino all’orto botanico, con alberi secolari e piante officinali.

Nel centro storico di Matelica, nota per il vino Verdicchio spicca la Concattedrale di Santa Maria Assunta e San Bartolomeo.

A Tolentino la Concattedrale di San Catervo e la Basilica di San Nicola, nota per il Cappellone di San Nicola, con affreschi del XIV secolo. A Caldarola il Castello Pallotta, edificato intorno alla metà del IX secolo e poi trasformato in residenza rinascimentale, conserva le mura con merlatura guelfa, i camminamenti di ronda e il ponte levatoio.

Non mancano le aree naturalistiche di pregio: la Riserva Naturale Abbadia di Fiastra, circonda l’Abbazia di Chiaravalle, monastero fondato nel 1142, visitabile e ancora attivo; la Selva, 100 ettari di bosco antico ricca di vegetazione tipica e caprioli; il fiume Fiastra e il laghetto Le Vene; il magnifico Parco Nazionale dei Monti Sibillini, vanta 1800 specie floristiche, 50 di mammiferi e 150 di uccelli. Molte le leggende legate al regno della Sibilla, e a luoghi misteriosi, come il lago di Pilato. Il Parco vuole favorire uno sviluppo economico compatibile, conciliando fruizione dell'ambiente naturale e conoscenza della storia e della cultura locale, per vivere un turismo alternativo e responsabile. Tra i percorsi possibili, la visita alle Abbazie nei piccoli borghi. A Monastero l’Abbazia di Santa Maria in Insula. Ad Acquacanina, in località Meriggio, l’Abbazia di San Salvatore a Rio Sacro, fondata dai benedettini nel 1000.

Il turista a tutto gas può stare tranquillo: Macerata è la prima città italiana per parco circolante a metano (15,39%), seguita da Fermo all’11,53 e Ancona al 10,54%. Nel territorio provinciale gli impianti di rifornimento di gas naturale aperti al pubblico sono 23, 37 quelli di GPL. Le Marche sono al secondo posto per circolante a gas (15,66%), seconde solo all’Emilia Romagna (16,70%).

 

La storia

Di origini preistoriche, Macerata fu fondata dai profughi della vicina città romana di Helvia Ricina distrutta dai Goti nel V secolo d.C..
Verso il 1100 si affermò come libero Comune e come molte altre città italiane fu contesa tra il Papato e l’Impero. Alla fine del 1200, prosperò rapidamente e vi venne fondata l’università (1290), tra le più antiche nel mondo. Dopo alcuni vicariati pontifici e brevi Signorie alla fine del '400 il cardinale Albornoz fece costruire la cinta muraria, visibile ancor oggi. Da allora la città restò allo Stato Pontificio fino all’Unità d’Italia, salvo fugaci occupazioni francesi, austriache e il breve regno di Gioacchino Murat (1815).

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS