Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

06
Gio, Ago
Advertisement

Autopromotec 2017: questo è l’aftermarket, bellezza!

Eventi
Tipografia

La 27esima edizione di Autopromotec – rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico – si è svolta a Bologna dal 24 al 28 maggio all’insegna dell’innovazione, della tecnologia e dell’internazionalizzazione.

I numeri: 113.616 presenze di operatori professionali, 9.627 in più rispetto alla scorsa edizione (+9,26%). 90.061 dall’Italia e 23.555 dall’estero, con un aumento dell’8,06% per i primi e del 14,09% per i secondi. 422 i giornalisti specializzati, il 33,4% provenienti dall’estero. 93 i momenti di formazione e informazione, che hanno coinvolto 2.900 professionisti del settore, grazie all’ampio calendario di convegni e approfondimenti organizzati nell’ambito di AutopromotecEDU, l’arena di confronto e dibattito sulle tematiche più attuali del post-vendita automotive. La collaborazione con ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e Unioncamere Emilia Romagna ha reso possibile la presenza di più di 120 buyer istituzionali provenienti da oltre 30 Paesi, che hanno preso parte a 720 incontri B2B con gli espositori italiani. Gli incontri, organizzati in fiera tramite la piattaforma di business matching B2Match, si sono svolti all’interno del Circuito delle Idee, lo spazio allestito presso il Quadriportico del quartiere fieristico.

Il successo di Autopromotec si evince anche dai risultati delle attività digital: il sito ha fatto registrare 182.609 visitatori unici e 1.950.542 pagine visualizzate.

I numeri di assoluto rilievo di questa edizione di Autopromotec – ha commentato Renzo Servadei, AD di Autopromotec – ci spronano a continuare in questa direzione, mantenendo alta la qualità dell’esposizione e delle sessioni convegnistiche. A contribuire al successo di Autopromotec 2017 è senz’altro la leadership mondiale delle aziende coinvolte nel business automotive aftermarket. I dati, poi, dimostrano ancora una volta come il settore si stia rafforzando.

Ogni edizione è caratterizzata da un fil rouge che supporta i professionisti della riparazione nell’identificazione delle tendenze del mercato al fine di orientarsi con maggiore consapevolezza tra prodotti e servizi che diventeranno indispensabili per la propria attività. Quest’anno si è fatta luce sull’Officina 4.0, ovvero l’autoriparazione del futuro, tema illustrato da esperti automotive oltre che da una scenografica rappresentazione virtuale su come saranno l’auto e l’assistenza di domani. L’iniziativa, sviluppata in collaborazione con Accenture, ha fatto registrare il tutto esaurito in tutte le sessioni di presentazione, per un totale di 1.460 ingressi. Il prossimo appuntamento con Autopromotec è previsto dal 22 al 26 maggio 2019, sempre a Bologna.

 

IL GAS AUTO AD AUTOPROMOTECEDU

Due incontri hanno riguardato il gas auto. Il convegno Metano e trasporto pesante: risparmio e logistica dei rifornimenti, moderato da Gian Primo Quagliano, presidente Econometrica e Centro Studi Promotor. Ad offrire una panoramica sullo stato del settore Licia Balboni, presidente di Federmetano, che riunisce i proprietari delle stazioni di servizio di metano per autotrazione e i trasportatori di gas naturale.

Nel 2016 sono stati consumati 1.052 milioni di metri cubi di metano, a fronte di un parco circolante di un milione di veicoli a gas naturale (2% del circolante) e una rete distributiva di 1.182 impianti, di cui 44 in autostrada. Negli ultimi 5 anni il circolante autocarri a metano è aumentato del 29%, un incremento che fa prevedere che per il 2025 un numero adeguato di punti vendita di GNL assicurerà la circolazione anche di veicoli pesanti alimentati con metano liquido. 

Sono intervenuti Enrico Finocchi, responsabile DG trasporto stradale e intermodalità Ministero Infrastrutture e Trasporti, Massimo Prastaro di Eni, Roberto Roasio di Ecomotive Solutions, Massimo Santori di CNH Industrial-Iveco, Paolo Carri di Italscania. Nella seconda parte della sessione, sono state presentate alcune best practices nella logistica, nel trasporto merci e nel TPL con Dario Cingolani, Logicompany 3, Daniele Celere di Havi, Andrea Bottazzi di Tper; la tendenza per queste aziende è di sostituire il parco Diesel con quello a gas: minori consumi, emissioni e inquinamento acustico. 

Un secondo convegno ha riguardato le trasformazioni metano e GPL. Tra i temi trattati, gli impianti a iniezione diretta con Danilo Ceratto di BRC, la conversione a gas dei diesel con tecnologia dual fuel con Roberto Roasio di Ecomotive Solutions, gli incentivi ICBI per le trasformazioni GPL e metano con Nicola Ferioli, direttore Ufficio ICBI. A cura di Enrico Franciosi, responsabile comparto officine di Federmetano, si è parlato della procedura di riqualificazione dei serbatoi CNG-4.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS