Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

29
Lun, Nov
Advertisement

Chi ha vinto il design contest internazionale “New dreams for a new world” Pininfarina?

Eventi
Tipografia

La giuria ha eletto il vincitore di ogni categoria:
Yonghoon Lee della Hochschule Munchen per Smart Individual Mobility;
Tom Moreau della Strate School of design per Smart Social Mobility;
Riccardo Grecu del Politecnico di Torino per Smart Spaces.

Per celebrare i suoi 90 anni l'Azienda Pininfarina ha avviato a ottobre 2020 il contest “New dreams for a new world”, invitando studenti di 15 prestigiose scuole internazionali per pensare al possibile futuro che vivrà l’essere umano nel “New Normal”.

Il contest presentava le idee degli studenti riguardo tre temi diversi: Smart Individual Mobility (un nuovo modo di muoversi facilmente, efficientemente ed ecologicamente), Smart Social Mobility (nuove forme di mobilità collettiva che promuovano il concetto di condivisione e uno stile di vita sostenibile) e Smart Spaces (un nuovo modo di condividere gli spazi).

I vincitori

Il vincitore della prima categoria, Smart Individual Mobility, è Yonghoon Lee, studente della Hochschule Munchen, Germania. Il suo progetto, con il nome Vision Zero, considera come la fotosintesi possa essere utilizzata per rendere le auto un luogo in cui riposarsi, mantenendo un rapporto armonioso con l’ambiente.

Il vincitore della seconda categoria, Smart Social Mobility, è Tom Moreau della Strate School of Design, Francia. Il suo lavoro, chiamato Bench, ha lo scopo di ridurre il numero di veicoli grazie alla condivisione. L’obiettivo di Tom è quello di far muovere i clienti in maniera libera offrendo loro diverse modalità di viaggio. Il progetto di Tom si basa sul principio di levitazione acustica, cioè un metodo che consente agli oggetti di levitare senza creare suoni udibili dall’orecchio umano ma sfruttando la pressione delle radiazioni delle onde sonore intense.

Il vincitore della terza categoria, Smart Spaces, è Riccardo Grecu, studente del Politecnico di Torino, Italia. Il suo progetto, Dinamico, è un padiglione che incorpora in sé semplicità e forte identità visiva. Ha la particolarità di essere trasformato in più spazi diversi, dal padiglione fieristico a un ufficio di coworking oppure a uno spazio dedicato al bike sharing. E’ stato concepito prestando particolare attenzione alla sostenibilità impiegando materiali eco-compatibili e tecniche costruttive volte a ridurre l’impatto ambientale.

Il vincitore di ogni categoria si aggiudica uno stage di 6 mesi nel centro stile Pininfarina.

Special Chairman e DesignWanted Award

Un quarto progetto ha ricevuto lo Special Chairman Award per l’attenzione ai valori del design Pininfarina: il vincitore è Nathan Groot di ISD Rubika, Francia. Il suo progetto Valentina partiva da un contesto post-Covid e mirava a creare due capsule separate per offrire a ciascuno dei due passeggeri una zona di comfort separata, facendoli sentire insieme nell’esperienza di viaggio.

Il DesignWanted Special Award è stato assegnato a Junu Kim della Coventry University, Regno Unito. Il progetto, Pavilion – The Ego Gallery sarà premiato con la pubblicazione sulla piattaforma internazionale di architettura e design designwanted.com.

Università e Scuole di design coinvolte

China Academy of Art (Cina), Coventry University (Regno Unito), FH JOANNEUM Industrial design (Austria), Hochschule Munchen (Germania), IAAD-The Italian University for design (Italia), Istituto Europeo di design - Torino (Italia), ISD Rubika (Francia/India), National Institute (USA), Royal College of Art (Regno Unito), Strate School of design (Francia), TsingHua University (Cina), Umea Institute of Design – UID (Svezia) e USP (Brasile).

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS