Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

04
Ven, Dic
Advertisement

Nuova Seat Leon, doppiamente ibrida e metano

Auto Novità
Tipografia

Dal primo lancio nel 1999, Seat Leon si conferma uno dei pilastri del brand spagnolo e per la nuova versione propone un ventaglio di 5 diverse tecnologie di propulsione.

Le alternative sono il mild-hybrid (eTSI), l’ibrido plug-in (eHybrid) e il metano (TGI).
La mild-hybrid a 48 V è disponibile con il motore 1.5 eTSI 150 CV DSG con cambio automatico a doppia frizione (7 rapporti) al posto di quello manuale. La tecnologia utilizza un alternatore che funge anche da starter da 48 V e una batteria agli ioni di litio a 48 V. Seat Leon 1.5 TSI mHEV 150 CV presenta consumi in ciclo combinato che si attestano tra i 5,6 e 6,4 l/100km in cicloWLTP, con emissioni di CO2 tra i 127 e 144 g/km.
La variante ibrida plug-in 1.4 eHybrid sarà disponibile nella seconda metà dell’anno. L’accoppiamento del propulsore benzina 1.4 TSI con un motore elettrico, un pacco di batterie agli ioni di litio da 13 kWh e il cambio DSG con doppia frizione a sei rapporti consente all’insieme di sviluppare una potenza di 204 CV  (150 kW). Questo modello, disponibile nella versione Hatchback
e Sportstourer, permette di procedere in modalità totalmente elettrica (autonomia circa 60 km) sfruttando l’energia della batteria.
Sempre nella seconda metà dell’anno la nuova Leon offrirà come opzione un motore 1.5 TGI a metano – abbinabile sia al cambio manuale, sia DSG – che eroga una potenza di 130 CV (96 kW). La vettura integra tre serbatoi per il metano con un volume netto complessivo di 17,3 kg, garantendo un’autonomia di 440 km.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS