Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

17
Ven, Set
Advertisement

Tendenze moda 2021: come vestirsi in modo sostenibile e green (ma economico)

Pensa Verde
Tipografia

Le tendenze della moda nel 2021 sono cambiate, proprio per adattarsi e rispondere alle esigenze dei consumatori. La passione per la filosofia green non è un capriccio del nostro secolo, ma nasce dal desiderio profondo di preferire materiali riciclabili, riutilizzabili e soprattutto con il fine ultimo di preservare le bellezze del pianeta.

La moda green e sostenibile è ormai ovunque, persino (finalmente) sulle passerelle. I nuovi trend della moda segnalano, infatti, che c’è un maggiore interesse verso la scelta di capi d’abbigliamento etici e responsabili. Dove fare i migliori acquisti online e soprattutto che cosa comprare per diventare dei consumatori “responsabili”?

Tutto parte dall’informazione: abbiamo una vasta catena di abbigliamento online tra cui scegliere. Il fashion è uno dei settori più comuni sul web, soprattutto perché permette di risparmiare. Se vuoi adattare il tuo armadio e farlo diventare più “verde”, non è necessario spendere molto. Prima di tutto, informati sui brand migliori. Secondariamente, puoi sfruttare alcune piattaforme utilissime per applicare coupon sul tuo carrello: se ti piace poi fare shopping online,  è possibile utilizzare il codice sconto Shein. Puoi sfogliare il catalogo applicando i consigli green sulla moda che ti daremo di seguito, per vestirti in modo economico ma sostenibile!

Produzione tessile sostenibile: quanto inquiniamo per i vestiti?

Tutto è nato dai rifiuti tessili, che superano quasi 100 milioni di tonnellate annui. Per non parlare della lavorazione e della tintura dei tessuti, che inficiano sull’inquinamento idrico industriale. Ed ecco il motivo per cui c’è stato un netto cambiamento nel settore dell’abbigliamento, così come la sperimentazione di tessuti più sostenibili.

Quali sono i tessuti più ecologici per la moda?

La scelta dei materiali nel settore dell’abbigliamento è tutto. L’industria tessile ha un ruolo cruciale in questo senso, ed è innegabile. Sono più di 80 i miliardi di capi di abbigliamento prodotti ogni anno: ogni capo realizzato ha un impatto importante sull’ambiente. E sulla terra siamo poco più di 7 miliardi. Conoscere i tessuti non rinnovabili (come il nylon, il poliestere, la lycra, l’acrilico) è importante, così come i materiali naturali, che rientrano nelle “fonti rinnovabili”. In quest’ultimo caso possiamo trovare il cotone, il lino, la canapa, la seta, la lana.

In ogni caso, tenersi aggiornati sulle ultime novità sulla moda green è un primo e importante passo per non rimanere indietro. Sono oltretutto tantissime le aziende che stanno puntando al riutilizzo, al riciclo e alla rigenerazione dei capi invenduti. Anche quest’ultimi sono un po’ un problema di un certo peso, perché nessuno riflette mai sui capi che non si vendono: dove vanno a finire? Eppure, il processo di produzione c’è stato, e di conseguenza l’inevitabile inquinamento.

Sfilate ecosostenibili: come stanno cambiando

La Fashion Week è cambiata in ogni parte del mondo. Ovviamente, ogni stilista ci ha tenuto a essere al passo con i tempi. In particolare, però, ci viene in mente la Fashion Week di Copenaghen, che è stata un esempio lampante di perfezione sotto ogni punto di vista. E proprio l’Espresso Communication ci ha tenuto a far sapere che la moda danese prevede di ridurre l’impatto ambientale entro il 2022. Manca qualche mese, ma siamo certi che ce la faranno.

Prediligere brand (ed e-commerce) sostenibili

Lo shopping online è ormai una chiara esigenza. Rispetto al passato, quando per acquistare i nostri capi di abbigliamento dovevamo recarci nei negozietti della città, oggi abbiamo tutto a portata di un clic. Bastano davvero pochi secondi per rivoluzionare il nostro armadio. Eppure, ci fermiamo mai a chiedere quanto contribuiamo all’inquinamento? Basterebbe tenersi informati a riguardo: sostenere i brand, gli e-commerce, le piattaforme che puntano alla filosofia green è un passo per un mondo più pulito.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS