Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

04
Dom, Dic
Advertisement

Bologna, il primo autoconsumo collettivo condominiale

Pensa Verde
Tipografia

È in via Usodimare a Bologna il primo esempio cittadino di autoconsumo collettivo condominiale, tra i pochi anche a livello nazionale, nato da un accordo firmato con Hera Comm, società di vendita gas ed energia elettrica del Gruppo Hera.


La realizzazione del progetto pilota Hera Comm, porterà all’installazione dell’impianto fotovoltaico sul tetto della palazzina di 18 appartamenti al civico 5 entro il 2022. L’energia elettrica prodotta alimenterà sia le utenze comuni, sia i singoli nuclei familiari che abitano l’edificio, permettendo una maggiore indipendenza dalla rete con una quota di autoconsumo stimata tra il 55% e il 60% dell’energia prodotta. 
Il condominio attinge all’energia prodotta a zero emissioni da un impianto centralizzato che beneficia delle detrazioni fiscali del 50% sul suo costo, anticipate da Hera tramite lo sconto in fattura, risparmiando da subito sulla bolletta degli usi comuni e remunerando l’energia immessa in rete a condizioni di mercato. In più, le famiglie potranno accedere agli incentivi ventennali sull’energia condivisa previsti dalla normativa, diventando quindi autoconsumatori di energia rinnovabile
Il risparmio per il condominio di Bologna, per i primi vent’anni, compreso tra 45 mila e 70 mila euro, permetterà di rientrare rapidamente dall’investimento effettuato entro al massimo 5 anni. A questo si sommano i benefici ambientali che equivalgono ogni anno al mancato consumo di oltre 29 barili di petrolio e a 11,4 tonnellate di CO2 evitate, pari a quella assorbita da 569 alberi
L’autoconsumo collettivo è una nuova opportunità che la legge italiana, recependo la normativa europea, mette a disposizione dei cittadini per diventare autoproduttori di energia e ottenere significativi incentivi economici. Si tratta di un modello innovativo di approvvigionamento, distribuzione e consumo che vuole favorire la produzione e lo scambio di energia da fonte rinnovabile.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS