Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

10
Ven, Lug
Advertisement

Green deal, crediamoci

Editoriali
Tipografia

La Commissione UE ha presentato il Green deal europeo, tabella di marcia con azioni per stimolare l’uso efficiente delle risorse, grazie al passaggio a un’economia circolare e pulita, arrestare i cambiamenti climatici, mettere fine alla perdita di biodiversità e ridurre l’inquinamento.

Obiettivo: fare dell’Europa il primo continente al mondo a impatto climatico zero entro il 2050, dando impulso all’economia, migliorando la salute e la qualità della vita delle persone, tutelando
la natura senza che nessuno sia escluso da questo processo.
Al di là delle misure di taglio green contenute nella manovra italiana, occorre guardare oltre e lavorare in questa direzione in una sorta di alleanza per la green economy.
Occorre poter fare affidamento sugli amministratori pubblici, sui politici e su tutti gli stakeholders, perché nei prossimi anni in Europa si decidono questioni importanti.
Il cronoprogramma è ricchissimo e trasversale, anche in tema di mobilità.

Tra i punti evidenziati, opzioni legislative per aumentare produzione e offerta di carburanti alternativi sostenibili per le diverse modalità di trasporto.

La revisione della tassazione sui carburanti e della Dafi (Alternative Fuels Infrastructure Directive), gli standard emissivi e le infrastrutture di ricarica.
Il miglior augurio per il prossimo anno (e molto oltre) è di avere chi ci rappresenta dalla nostra parte, quella dei cittadini e delle imprese che ogni giorno devono conciliare le esigenze immediate e di mercato con le buone pratiche, sempre più spesso connesse alle tematiche ambientali.
Ma attenzione: se Ursula von der Leyen ha dichiarato che il Green deal europeo è la nostra nuova strategia per la crescita, il vice Frans Timmermans ha aggiunto che è nostra responsabilità fare sì che la transizione sia un processo giusto.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Iscriviti al nostro servizio di newsletter e sarai avvisato quando sono disponibili nuovi articoli (iscrivendoti, accetti la Privacy policy).
Advertisement