Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

23
Mar, Apr
Advertisement

Nelle 4 regioni del bacino padano

L’accordo sulla qualità dell’aria nel bacino padano firmato nel 2017 dà i suoi parziali frutti.

Diesel avviato verso il declino in tutta Europa. In Italia discesa più lenta. Le immatricolazioni di veicoli elettrici toccheranno quota 20% entro il 2025. Automobilisti poco interessati alla guida autonoma.

In Italia il gas ricopre un ruolo rilevante con il 34,6% di contributo al consumo interno lordo: 70.914 milioni di metri cubi distribuiti principalmente tra il settore residenziale (con il 40,7% dei consumi), industriale (20,4%) e quello dei trasporti (1,5%).
Eppure la produzione di biometano – un biocombustibile che si ottiene sia dagli scarti di biomasse di origine agricola, sia dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani derivante dalla raccolta differenziata – nel solo settore agricolo potrebbe coprire il 12% dei consumi attuali di gas in Italia con evidenti vantaggi ambientali e economici. 

Torna quasi in positivo il mercato dell’auto. Secondo i dati pubblicati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ad agosto sono state totalizzate 91.551 immatricolazioni, in rialzo del 9,5% rispetto allo stesso mese del 2017. 

Metano per autotrazione risorsa fondamentale per i trasporti. Il punto sul settore, su dove va e come sta, lo ha fatto OIL&nonoil - stoccaggio e trasporto carburanti, la manifestazione nazionale di riferimento per tutti gli operatori della filiera dei carburanti liquidi e gassosi e del comparto del non-oil (Fiera di Verona, 9 - 11 ottobre 2018) nel corso della tavola rotonda ‘Il metano carburante della transizione energetica’. Moderati da Fabio De Rossi di Quattroruote sono intervenuti Licia Balboni, Federmetano, Mariarosa Baroni, Ngv Italy, Roberto Bernardini, Snam4Mobility, Rita Caroselli, Assogasliquidi, Marco Pezzaglia, CIB, Stefano Sordelli, Volkswagen Group, Paolo Vettori, Assogasmetano.

La filiera del Gnl (Gas naturale liquefatto, metano a circa -160 gradi per essere stoccato liquido) è in grande espansione e per il trasporto pesante su strada è una grande e attuale opportunità che soddisfa requisiti ambientali - abbattimento degli inquinanti - ed economici, grazie ai bassi costi di esercizio.
Soprattutto in un Paese come l’Italia dove l'80% delle merci viaggia su gomma. Quindi l’auspicio è che il governo sostenga lo sviluppo del settore e che si realizzi una rete di rifornimento.

Altri articoli...