Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

24
Lun, Gen
Advertisement

Ecogas: più gas auto nella SEN

Politica
Tipografia

Il Consorzio Ecogas, associazione rappresentativa del comparto gas autotrazione, ha partecipato alla consultazione pubblica sulla SEN 2017, strategia energetica nazionale.

La proposta elaborata parte da alcune premesse: GPL e metano sono carburanti alternativi e come tali sono riconosciuti dalla Direttiva Dafi (deployment of alternative fuels infrastructure) sulla realizzazione dell’infrastruttura per i combustibili alternativi. Inoltre, i settori economici collegati sono un’eccellenza italiana. Una loro maggiore diffusione in autotrazione assicura benefici ambientali, economici, sociali e industriali.

Riteniamo importante – scrive il Consorzio Ecogas – partecipare alla Consultazione pubblica con l’obiettivo di chiedere l’introduzione di alcuni specifici riferimenti nel documento ai gas per autotrazione – GPL e Metano – e ai combustibili alternativi come definiti dalla Direttiva DAFI. Riteniamo infatti che proprio la Direttiva Dafi possa e debba costituire un punto di riferimento e che i gas per autotrazione costituiscano un valido esempio di come si possano raggiungere due importanti obiettivi: contenere l’inquinamento da traffico grazie alle ineguagliabili caratteristiche ambientali dei carburanti gassosi e dare nuovo impulso a un settore produttivo a rischio crisi che invece in tutto il mondo rappresenta un successo del made in Italy. Siamo infatti convinti che in uno scenario come quello delineato dalla Sen 2017 acquisisca una valenza ambientale, energetica e tecnologica tutto il settore legato all’alimentazione a gas – GPL, metano, GNL, biometano e biopropano – visto che da un lato ci sarà bisogno per decenni di rendere più ecologico il parco circolante e dall’altro ci saranno nuove risorse rinnovabili da sfruttare.

PARCO CIRCOLANTE - Il primo inserimento suggerito riguarda il settore trasporti. Dove il documento in consultazione recita Alla luce della nota anzianità del parco veicolare privato italiano, valutare l’introduzione di strumenti di promozione del miglioramento delle prestazioni energetico e ambientali del parco circolante, si suggerisce il seguente periodo: A tale riguardo è opportuno ricordare che l’Italia detiene il know-how mondiale nel settore dei gas per autotrazione e che la trasformazione a GPL e Metano dei veicoli già circolanti, costituisce un ottimo miglioramento delle caratteristiche energetiche e ambientali. Inoltre il passaggio all’alimentazione a gas dei veicoli si avvale non solo di tecnologia italiana ma di una capillare e professionale filiera presente su tutto il territorio; la trasformazione dei veicoli a gas andrebbe anche ad accelerare il completamento della rete distributiva a gas così come richiesto dalla Direttiva Dafi. 

REGOLAMENTAZIONE LOCALE – Dove si parla di limitazioni alla circolazione, accesso alle Ztl, parcheggi, ecc. si propone di inserire tra i veicoli agevolati quelli funzionanti con i combustibili alternativi definiti dalla già citata Direttiva Dafi. Si sottolinea poi l’importanza, per non generare confusioni e complicate difformità sul territorio nazionale, che le regolamentazioni locali siano il più possibile uniformi, soprattutto per quanto riguarda la limitazione nelle aree urbane ai veicoli più inquinanti. 

SISTEMI FISCALI SUL TRASPORTO – Anche nell’ambito di una revisione della fiscalità (tassa immatricolazione, tassa di possesso, imposte sui carburanti, etc.) per favorire i veicoli più efficienti e con minori emissioni climalteranti ed inquinanti, si propone uno specifico riferimento alla Dafi. 

Nel documento – sottolinea Alessandro Tramontano, presidente del Consorzio Ecogas – ricordiamo anche l’utilità di stabilire incentivi a sportello, ampiamente ripagati dal maggior giro d’affari generato, che hanno sempre contribuito fortemente al rinforzo della domanda, anche in presenza di minimi contributi unitari: negli anni scorsi le immatricolazioni a gas sono arrivate a toccare il 21% del mercato e le trasformazioni sono state anche 270.000 all’anno (mentre tra il 2014 e il 2016 siamo scesi anche sotto quota 100.000 unità convertite).

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS