Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

15
Dom, Set
Advertisement

Verona città dell’amore

Turismo
Tipografia

Le origini di Verona si perdono nella notte dei tempi. Nella parte alta del fiume Adige, che bagna le colline a nord della città, dove le Prealpi veronesi si adagiano nella pianura padana, sono state trovate tracce di insediamenti umani del paleolitico, con manufatti attribuiti all’Homo Erectus, a Quinzano, di 400.000 anni fa.

Tutta l’area, fertile e irrigata, nei millenni crebbe e si sviluppò costantemente con popoli pre-romani. Il nome stesso, forse di origine etrusca, era noto prima che la città diventasse nel 89 a.C. colonia e, 40 anni dopo, Municipio Romano. La città si sviluppò come nodo strategico a ridosso delle Alpi e al centro delle vie di comunicazione che univano gli insediamenti romani, incrocio di culture, mercanti e civiltà che salivano verso il nord Italia e l’Europa, oppure scendevano verso il cuore della pianura e la via Emilia, a sud, per collegarsi alla rete di strade consolari romane.

Anche a Verona ci fu decadenza alla caduta dell’Impero, ma la vicinanza con Ravenna e con Venezia mantennero la città in un’area relativamente tranquilla pur attraverso 2-300 anni di conflitti che videro Verona al centro delle lotte tra Guelfi e Ghibellini. Proprio da una disputa tra due famiglie di diversa bandiera, Montecchi e Capuleti, prende spunto l’epopea di Giulietta e Romeo, nell’opera shakespeariana omonima che tanta fama portò all’autore e alla stessa Verona, diventata simbolica città dell’amore. Nei tempi a seguire la città, dopo un paio di secoli di lotta tra le signorie Visconti e Della Scala, che comunque non ne rallentò la crescita culturale e mercantile, volontariamente aderì alla Repubblica della Serenissima, consegnando le chiavi della città al Doge veneziano Michele Steno nel 1405. Cosi per Verona iniziarono 400 anni di pace e prosperità fino all’arrivo di Napoleone, poi l’impero Austroungarico e finalmente italiana nel 1866.

Gioiello architettonico, l’Arena di Verona è ancora sede di spettacoli e manifestazioni. Dal medioevo al rinascimento, la città è un museo a cielo aperto, tra palazzi, vicoli, ponti e piazze di rara bellezza e fascino. Luoghi che nei secoli hanno attirato poeti e artisti affascinati anche dalla grande ospitalità, dal vino leggero delle vicine colline e dalla cucina locale, vero trionfo di gusti tra l’antichità contadina e i sapori moderni.

Verona si è mantenuta una città pulita e con orgoglio si dichiara votata all’ambiente anche nella modernità del traffico urbano e della civiltà dell’auto. A Verona un incentivo economico che consentiva ai possessori di veicoli a benzina una loro trasformazione a gas (GPL o metano) usufruendo di un contributo-sconto con uno stanziamento totale di 43.150 Euro del comune, si è esaurito in 24 ore. Prova della grande attenzione dei veronesi all’ambiente e conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, che con piccoli contributi, volti a miglioramento ambientale e sostenibilità, la cittadinanza risponde bene e i risultati ecologici ed economici si raggiungono. Purtroppo da Roma le autorità centrali si baloccano in mega incentivi per le auto elettriche, che nessuno richiede, o in enunciazioni di principio senza finanziamenti reali. Per fortuna i Comuni sono più concreti, vera prossimità per i cittadini che ben rispondono: a Verona il 10% del circolante urbano è ecologico a GPL o metano e le infrastrutture di distribuzione sono capillari.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS