Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

27
Mar, Set
Advertisement

ZD DS2, un gufo da città

Hybrid Electric
Tipografia

Agili nel traffico, facili da parcheggiare, a emissioni zero e con costi di gestione contenuti.

Per molti i quadricicli sono il futuro della mobilità urbana, tanto da indurre molti costruttori a debuttare sul mercato. A farlo è la ZD Italia, importatore dell’omonima azienda cinese produttrice della DS2, microcar disponibile anche in varianti con omologazione da auto che offrono velocità superiore e l’accesso a tangenzialiautostrade pur mantenendo le doti tipiche dei quadricicli. Minicar provata proprio nella variante top di gamma, la Owl, gufo in inglese. 
Un’auto dalle forme gradevoli lunga 281 cm (7 più della Smart fortwo) e larga 150, ingombri minimalisti che si ripercuotono nell’abitacolo, un po’ stretto per due adulti di buona corporatura. Al comfort dei passeggeri provvedono i comodi sedili in ecopelle e una plancia dal design curato dominata dal display del sistema di infotainment comprensivo di navigatore, visore per la telecamera posteriore e sistema android per la condivisione con lo smartphone tramite Bluetooth. I comandi sono per lo più al volante, con il selettore per attivare la trazione e la retro posto tra i sedili. Discreto il bagagliaio, in grado di ospitare la spesa o una bici pieghevole per proseguire il viaggio a emissioni zero dove le auto sono interdette.
L’avvio keyless è avvolto dal silenzio e dal colorato cruscotto digitale con la centro il tachimetro e ai lati gli indicatori del livello delle batterie e del consumo istantaneo. A differenza di altre elettriche, l’accelerazione è meno intensa e richiede una buona pressione sul pedale per sfruttare appieno i 30 kW di potenza massima del motore e raggiungere i 105 km/h. La guida è semplice e rilassante, merito del servosterzo elettronico, dell’elevata agilità e di una buona dinamica conferita dall’assetto rigido. Buone le sensazioni in tema di sicurezza grazie a un impianto frenante comprensivo di ABS, quattro rotori e sistema di recupero dell’energia in frenata e decelerazione. Dispositivo che contribuisce ad allungare la percorrenza consentita dai 27 kWh delle batterie fino a 280 km nel ciclo urbano. Il tempo necessario per la ricarica è di 6-8 ore.
Se il piccolo gufo è pratico e divertente da guidare, il listino di 24.900 euro appare poco accessibile in assenza di cospicui incentivi malgrado l’ottima dotazione comprensiva, tra l’altro, di alzacristalli e specchietti elettrici, volante in pelle, climatizzatore e cerchi in lega.

CINQUE ANIMALETTI DA CITTÀ
Cinque le versioni della DS2. Tre omologate L7e come quadricicli con velocità di 85 km/h: Geko (18.900 euro, 180 km di autonomia), Ant (19.900 euro, 180 km) e la Colibrì (21.900 euro, 280 km). Le due auto (M1e) sono la Bee (22.900 euro, 180 km) e l’Owl della prova. Geko a parte, airbag guidatore e ABS sono di serie.