Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

17
Ven, Set
Advertisement

Emissioni, chi sale e chi scende

Ambiente
Tipografia

Nella Ue l’elettricità da fonti rinnovabili ha superato per la prima volta, nel 2020, le fonti fossili.


Lo ha rilevato Eurostat, evidenziando che lo scorso anno l'elettricità 'pulita' ha superato la soglia di 1 milione di Gigawatt/ora, quasi 30mila GWh in più rispetto alla produzione da combustibili fossili.
Va detto che il dato risente dell’influsso della pandemia: l'anno scorso la produzione di energia elettrica da fonti fossili è calata del 9,8% rispetto al 2019, attestandosi al livello più basso dal 1990.
In questo quadro arrivano i primi dati sulle emissioni, delle auto ma non solo.

Auto in altalena, nel 2019 emissioni su
Secondo i dati diffusi dall'Agenzia Europea dell'Ambiente (AEA) nel 2019 le emissioni medie delle nuove autovetture immatricolate nell'Unione Europea, in Islanda, Norvegia e nel Regno Unito sono state di 122,3 gCO2/km. Cifra inferiore all'obiettivo 2015-2019 di 130 gCO2/km ma ben al di sopra dell'obiettivo 2020-2024 di 95 gCO2/km. Tra le ragioni che hanno contribuito all'aumento delle emissioni medie, la crescente domanda di SUV (Sport Utility Vehicle), mentre i veicoli elettrici hanno costituito solo il 3,5% delle immatricolazioni di auto nuove.
Per i furgoni le emissioni medie sono state invece di 158,0 gCO2/km, ovvero circa il 7% in più rispetto all'obiettivo del 2020 di 147 gCO2/km. La quota di veicoli commerciali elettrici nelle immatricolazioni è quasi raddoppiata tra il 2018 (0,8 %) e il 2019 (1,4 %), ma la stragrande maggioranza (94%) è ancora diesel.

Nel 2020 il dato sembra cambiare
I dati provvisori sulle emissioni di auto e veicoli commerciali nuovi in Europa nel 2020 mostrano un cambiamento di rotta. Le emissioni medie delle nuove autovetture immatricolate nell'Unione Europea (UE), Islanda, Norvegia e Regno Unito nel 2020 sono state di 107,8 grammi di CO2 per chilometro (g CO2/km). Si tratta di 14,5 g (12%) in meno rispetto al 2019 ed è la prima diminuzione osservata dal 2016. La quota di veicoli elettrici nelle nuove immatricolazioni è triplicata da circa il 3,5% nel 2019 a circa l'11% delle nuove immatricolazioni nel 2020.
Circa 1,4 milioni i nuovi furgoni immatricolati in Europa nel 2020 con emissioni medie di 157,7 g CO2/km, ovvero 2,3 g (1,5%) in meno rispetto al 2019, con la quota degli elettrici che è passata dall'1,4% del 2019 a circa il 2,3% nel 2020.

In Italia
Nel 2020, dopo 2 anni di risalita, riscendono del 9,1% le emissioni medie di CO2 da 119,1 a 108,3 g/km, il livello più basso dal 2008, anno di inizio della serie, dal cui valore le emissioni medie di CO2 sono scese del 25% (fonte Unrae).

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS