Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

27
Mar, Set
Advertisement

I bugiardi del clima: potere, politica, psicologia di chi nega la crisi del secolo

Libri
Tipografia

Stella Levantesi, giornalista formatasi alla New York University, fotoreporter e autrice esordiente con quest’opera del 2021 pubblicata da Editori Laterza, ci propone un viaggio all’interno della crisi climatica e delle menzogne, sostiene, di chi ha preferito negarne l’esistenza al fine di non intaccare il proprio arricchimento.

copertina I bugiardi del climaErano gli anni ‘70 quando gli scienziati hanno iniziato a parlare apertamente di risorse energetiche in esaurimento, di un anomalo innalzamento delle temperature medie stagionali, di ecosistemi disequilibrati. Negli stessi anni, si evidenzia, grandi aziende petrolifere, interi Paesi e gruppi politici hanno energicamente negato i dati accumulati riducendoli a fantasiose e diffamatorie speculazioni per non perdere o ridurre i loro privilegi economici e sociali. A più di cinquant’anni dall’inizio di questa campagna informativa ci ritroviamo a vivere in un pianeta che mostra, in modo ormai lampante, gli effetti nefasti delle insufficienti  politiche volte alla salvaguardia delle risorse naturali del pianeta Terra. L’autrice dà sfogo a una delle sue più care tematiche inerenti alla crisi climatica: la disinformazione in cui vive la società, che comporta ulteriore incoscienza e ignoranza sulla pericolosità del fenomeno e sulla necessità di agire tempestivamente per arginarlo. Con uno stile definito “semplice e chiaro” dai lettori vuole far conoscere la silenziosa storia della crisi ambientale, la sua nascita e la sua tacita evoluzione, fino ai risvolti pericolosamente tangibili e non più ignorabili della condizione odierna. In un’unica opera l’autrice condensa così l’informazione sottostimata  da decenni, intrecciata alla speranza che tali nozioni possano far germogliare un maggiore senso di responsabilità verso un pianeta provato da politiche troppo disinteressate e insensibilità circa i problemi che lo affiggono.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS