Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

29
Dom, Nov
Advertisement

Mercato auto, questi incentivi non bastano!

Editoriali
Tipografia

Diminuisce il calo del mercato auto: in luglio 136.455 immatricolazioni, l’11% su luglio 2019, ad agosto 88.801, solo 0,4%.

Grazie agli incentivi, estesi con il decreto Rilancio alle auto con emissioni non superiori a 110 g/km di CO2.
Nei primi otto mesi 2020, 809.655 immatricolazioni, -39% rispetto al 2019.
Le diesel ad agosto si riducono del 18% e rappresentano il 35% del mercato, anche nei primi 8 mesi 2020 (-7% rispetto allo stesso periodo 2019), a fronte di immatricolazioni a -48%. Le benzina calano del 18% nel mese e del 42% nel cumulato, e sono il 36% del mercato e il 42% del totale gennaio-agosto. In crescita le vendite di auto ad alimentazione alternativa nel mese, il 29%, in aumento del 57%, mentre si riducono del 4% nei primi otto mesi 2020 (23% del totale mercato, 8% in più rispetto allo stesso periodo 2019).
Tutto bene per economia e ambiente? Non proprio, gli incentivi sono durati una settimana e per quelli del decreto Agosto da subito si è gridato all’accaparramento. Parliamo di quelli per le Euro 6, gli altri, per elettriche e ibride, dureranno molto di più e saranno troppi per le richieste. Secondo il Centro Studi Promotor non sono sufficienti per rilanciare il mercato in cui le immatricolazioni non elettriche sono ancora il 98%. Per inciso, in una decina di giorni sono terminati quelli destinati alla fascia 91-110 gr/km di CO2!
A soffrire maggiormente coloro che vogliono un Euro 6 a benzina, diesel, GPL o metano.
Per non parlare del mercato delle trasformazioni a gas totalmente dimenticato.
Il post lockdown ci ha lasciati più poveri: perché premiare solo chi ha una maggiore capacità di spesa, quando la conversione in after market potrebbe aiutare anche chi non può permettersi di sostituire l’auto?

Dal Consorzio Ecogas: semplificazione collaudi gas L’art. 49 Legge di conversione decreto semplificazioni (G.U. 14/9) dà facoltà al Ministro infrastrutture e trasporti di modificare l’art. 78 del Codice della Strada. Ciò permetterà di ridefinire le modalità di aggiornamento della Carta di circolazione per gli impianti GPL o metano e la sostituzione decennale del serbatoio: si potrà effettuare la visita e prova senza la presenza di un funzionario della Motorizzazione.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS