Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

17
Ven, Set
Advertisement

Fit for 55, cosa ci aspetta?

Editoriali
Tipografia

La Commissione europea ha adottato un pacchetto di proposte per rendere le politiche Ue in materia di clima, energia, uso del suolo, trasporti e fiscalità idonee a ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55 % entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.


In tema di trasporti si prevedono norme più rigorose sulle emissioni CO2, che per le auto nuove dovrebbero diminuire del 55 % dal 2030 e del 100 % dal 2035 rispetto ai livelli del 2021: tutte le vetture nuove dal 2035 dovrebbero essere a zero emissioni (elettriche ricaricabili o a idrogeno verde con celle a combustibile).
L'iniziativa è realistica? Riteniamo di no, per risorse disponibili, rete elettrica, componenti necessari per le batterie.
L'iniziativa è giusta? Anche in questo caso non siamo d'accordo: esistono risorse a impatto minimo delle quali non si tiene conto, come i carburanti alternativi e i biocarburanti che traggono energia dagli scarti, come fanno notare le associazioni Assogasmetano, Federmetano, Ngv Italy)
L’errore è considerare solo le emissioni allo scarico e non quelle dell’intero ciclo di produzione e vita del carburante e del veicolo.
Anche il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani è intervenuto in merito:
La nostra preziosa Motor Valley - Ferrari, Lamborghini, Maserati ... - è destinata a scomparire, se anche le supercar dovranno essere elettriche. Se pensassimo di avere una penetrazione istantanea del 50% di auto elettriche non avremmo neanche le materie prime per farle, né la grid per gestirle. Su un ciclo produttivo di 14 anni, pensare che le nicchie automobilistiche e supersport si riadattino è impensabile.
C'è di più: il nostro parco auto, che non può ringiovanire con uno schiocco di dita, comprende 30 milioni di veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2. In Italia - ha dichiarato il Ministro - ci dovrebbero essere incentivi per incoraggiare i cittadini a sostituire le auto vecchie con veicoli più moderni (più moderni non significa solo elettrici, ndr). Ma anche i veicoli più moderni, dall'Euro 3 in su, potrebbero trarre giovamento da soluzioni di transizione intermedie, come la trasformazione a gas.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS