Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

02
Lun, Ago
Advertisement

TCO: idrogeno più performante degli elettrici fuel cells

Tecnica
Tipografia

La multinazionale Westport Fuel Systems – con sede a Vancouver, Canada, opera nel settore delle tecnologie di trasporto a basso consumo di carburante alternativo e a basse emissioni – ha pubblicato uno studio congiunto con AVL (società che si occupa di sviluppo e test di sistemi di propulsione), sulla valutazione del Total Cost of Ownership (TCO) di motori a combustione interna alimentati a idrogeno (H2).


Lo studio è incentrato sull’utilizzo dell’idrogeno per l’alimentazione di un motore a combustione interna (ICE) con il sistema HPDI 2.0TM sviluppato e brevettato da Westport Fuel Systems, quale soluzione di breve periodo, competitiva in termini di costi, per la riduzione delle emissioni di CO2 a quasi zero del trasporto a lungo raggio. Il documento effettua un’analisi completa del TCO, partendo da simulazioni numeriche relative alla tecnologia HPDI ad idrogeno (H2-HPDI) di Westport Fuel Systems con i relativi costi operativi ed integrandole con i modelli TCO esistenti di AVL per propulsori diesel e Fuel Cells.

La nostra analisi dimostra – ha dichiarato David Johnson, CEO di Westport Fuel Systems – che unpropulsore ICE ad idrogeno equipaggiato con tecnologie ad alta efficienza (vale a dire H2-HPDI) può sovraperformare i veicoli elettrici fuel cells in termini di TCO. Ciò è possibile perché la tecnologia H2-HPDI utilizza gli attuali powertrains, prodotti in volumi elevati, raggiungendo al contempo un’efficienza simile a quella di una fuel cell, nelle applicazioni Heavy Duty. Le flotte apprezzeranno un prodotto che garantisce lo stesso livello di prestazioni dei camion diesel convenzionali di oggi senza i rischi di sviluppo ed i costi associati alle fuel cells. La tecnologia HPDI 2.0 è già oggi utilizzata dalle grandi


flotte, riducendo la CO2 del 23% mediante l’utilizzo di GNL fossile e garantendo zero emissioni nette di carbonio nel caso si utilizzi bioGNL.È anche stato avviato con Scania un progetto di ricerca per l’applicazione del suo sistema di alimentazione HPDI 2.0 ad idrogeno al più recente motore perveicoli industriali Scania. I risultati dei test preliminari sono attesi nella seconda metà del 2021. Inoltre Westport Fuel Systems Italia ha recentemente annunciato, da Cherasco (Cn), di essere ufficialmente membro di H2IT, l’Associazione Italiana Idrogeno e Celle a Combustibile.

Marco Seimandi, vicepresidente Sales & Marketing di Westport Fuel Systems Italia, ha commentato: I trasporti pesanti in Europa, producono circa il 5-6% delle emissioni totali di CO2 e circa il 30% dell’intero settore trasporti. L’uso di gas rinnovabile sta positivamente crescendo, è una soluzione concreta per la diminuzione di CO2.

Stiamo vivendo in un grande momento di cambiamento nelle tecnologie per la mobilità e il loro impatto socio-economico. L’idrogeno è una frontiera a cui guardiamo con interesse da tempo e siamo lieti di entrare a far parte di H2IT con l’obiettivo di condividere conoscenze, progettualità e creare una filiera coesa.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS