Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

25
Mer, Mag
Advertisement

Europa: record produzione biometano

Ambiente
Tipografia

L’industria del biometano ha battuto tutti i record nel 2021: l’Europa ha ora 1.023 impianti di produzione.

Secondo le associazioni europee del settore potrebbe trattarsi di un trampolino di lancio per la decarbonizzazione dell’intera economia dell’UE
Il 2021 – ha dichiarato Boyana Achovski, segretario generale del Gie, Gas Infrastructure Europe, gli operatori delle infrastrutture gas – ha assistito al dispiegamento più esponenziale di impianti di biometano in Europa. Nulla di sorprendente considerando ciò che il biometano mette sul tavolo per la decarbonizzazione: è l’unico combustibile rinnovabile disponibile e scalabile oggi in Europa che può consentire l’uso competitivo in termini di costi delle infrastrutture gas già esistenti. La quantità combinata di biometano e biogas disponibile oggi può coprire già l’intero consumo di gas del Belgio
Harmen Dekker, direttore Eba, European Biogas Association: L’Eba stima che l’87% degli impianti di biometano attivi oggi in Europa siano collegati alla rete del gas. Per garantire che il biometano svolga un ruolo sempre più importante come combustibile rinnovabile, dovrebbe essere istituito uno scambio efficiente di biometano in tutta Europa. Lo sviluppo delle infrastrutture gas dovrebbe considerare gli adeguamenti necessari per consentire l’immissione di quote maggiori di biometano nelle reti di distribuzione. 
L’Europa, proseguono Eba e Gie, conta 20.000 impianti biogas e biometano. Il biometano sostenibile può coprire fino al 30-40% del consumo di gas previsto per il 2050, con una produzione di almeno 1.000 TWh (teravattora). Gli impianti biometano stanno crescendo in tutta Europa: la mappa promossa dalle due associazioni e arrivata alla terza edizione – consultabile anche online all’indirizzo europeanbiogas.eu/biomethane- map-2021 – mostra che sono state avviate quasi 300 nuove unità nell’ultimo anno e mezzo, con un incremento del 40% al 2020. Francia, Italia e Danimarca sono i paesi con il maggior aumento di impianti: 91 entrati in funzione in Francia nel 2020 e 123 tra gennaio e ottobre 2021. Seconda l’Italia, con +11 impianti, poi la Danimarca con +10
La rapida implementazione delle tecnologie biometano – sottolineano le associazioni – accelererà la decarbonizzazione dell’economia UE. Tuttavia, il settore avrà bisogno di un sostegno legislativo pertinente nei prossimi anni per sfruttare appieno il suo potenziale
Un argomento quanto mai caldo nell’attuale panorama internazionale: all’esigenza di far fronte agli sfidanti obiettivi di riduzione delle emissioni si aggiunge infatti quella di perseguire l’indipendenza energetica, che ha subito un’accelerazione con la terribile e scellerata guerra in Ucraina, che ha rimesso in gioco non pochi equilibri.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS