Avvertenza: questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'installazione di tutti o di alcuni cookie si veda l'informativa sui cookie.

09
Mar, Ago
Advertisement

Inquinamento, come e quanto influisce la ricerca del parcheggio per l’auto

Flash News
Tipografia

Grazie ad un recente studio effettuato da Parclick, compagnia di prenotazione di parcheggi online con oltre un milione di utenti attivi in Europa, è stato evidenziato che sei lavoratori su dieci utilizzano ogni giorno la propria auto per recarsi sul posto di lavoro.

Inoltre, l’analisi mostra che solamente un terzo di questi lavoratori dispone di un parcheggio di proprietà implicando che nelle principali città italiane circolano più veicoli di quanti se ne possano gestire e che una grande maggioranza di essi è costretta quindi a impiegare tempo ma soprattutto carburante nella ricerca di un posto.

I dati raccolti mostrano successivamente che il 39% dei veicoli in movimento durante l’ora di punta è alla ricerca di un parcheggio: guidare a basse velocità, con marce ridotte e per lunghi periodi di tempo, tra i 30 e i 45 minuti, aumenta il consumo di carburante e, di conseguenza, il livello di emissioni di CO2 delle auto, compromettendo la qualità dell'aria e la salute di chi vive in città.

In una recente intervista, la Squad Lead di Parclick Ester Stivelli ha confermato l’impegno della sua società nella diffusione della sensibilizzazione di questo argomento affermando che: “Noi di Parclick siamo fortemente impegnati nel sensibilizzare gli automobilisti italiani su come la prenotazione anticipata del parcheggio sia fondamentale per contribuire a decongestionare le grandi città e ridurre l’inquinamento prodotto durante la ricerca di un posto auto”.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS